Danza Classica (BC003)

"DANZA CON LE FIABE"

(3 - 4 anni) 

Lezioni di 45 minuti, che avvicinano i piccolissimi alla conoscenza del corpo, li invitano a sviluppare coordinazione, musicalità, ritmo, ed espressività, a un livello adeguato alla loro età, attraverso i personaggi delle fiabe. L'aspetto di socializzazione è anch'esso parte integrante del lavoro degli insegnanti in questi corsi: i bambini piccoli devono imparare a seguire poche ma fondamentali regole perché il gruppo possa funzionare in armonia!

"PRIMI PASSI"

(5 - 6 anni)

Lezioni di 45 minuti di approccio alle basi della danza, classica e moderna, con obbiettivi più avanzati in funzione dell'età, ma perseguiti attraverso esercizi che i bimbi percepiscono come giochi. Vengono esplorati con divertimento la musica e l'espressione sia del volto che del corpo.

 

"PROPEDEUTICA"

(7 anni)

Lezione di 60 minuti, una volta a settimana. Viene introdotta la richiesta di memorizzare brevi esercizi, anche attraverso canzoncine da accompagnare ai movimenti. Grande attenzione viene data alla parte espressiva e creativa dei piccoli danzatori.

 

Da qui in avanti il percorso sarà nella direzione di una maggiore autodisciplina: i bambini devono imparare a contare la musica autonomamente, e ricordare sequenze sempre più lunghe e complesse, cercando di eseguirle con la maggiore forza e precisione possibile... Il cammino verso la danza è avviato!

 

Arianna Testa, allieva del C.P.D.
Arianna Testa, allieva del C.P.D.

"DANZA CLASSICA METODO R.A.D."

con esami in sede

(tutti i livelli, da Pre-Primary a Advanced 2)

"La danza classica è la ricerca della perfezione"

Antonella Falorni

 

La Royal Academy of Dance, con sede centrale a Londra, nasce il 31 dicembre 1920 dalla riunione dei rappresentanti dei cinque maggiori metodi di insegnamento, con il preciso intento di contribuire all'elevazione degli standard di insegnamento: i membri fondatori furono alcuni dei più famosi artisti dell'epoca. Oggi è una tra le maggiori organizzazioni nel mondo per la formazione di allievi ed insegnanti, con oltre 15mila membri in 82 stati. È autorizzata al rilascio di attestati, certificati e diplomi di studio: è stata ufficialmente riconosciuta quale organo preposto per offrire qualifiche generali, professionali ed occupazionali nel campo della danza. Con il completamento del corso di studi e il superamento dell'esame Advanced 2 si ottiene il diploma di danzatore e la possibilità di qualifica ARAD.

 

"DANZA CLASSICA METODO VAGANOVA secondo i programmi A.U.B."

con esami in sede

(tutti i livelli, da Preparatorio ad Avanzato)

Studio della tecnica di danza classica metodica Vaganova, con possibilità di esami in sede con l'Accademia Ucraina di Balletto.

Secondo la tecnica accademica, dai 10 anni la lezione di danza inizia con l'esercizio alla sbarra, dove vengono eseguiti quei movimenti che rendono flessibili le giunture, allungano e rafforzano i muscoli, perfezionano l'equilibrio. Nella seconda parte della lezione si eseguono esercizi al centro, si affrontano combinazioni di passi senza l'aiuto della sbarra: port de bras, adagio, pirouettes, per le donne punte e virtuosismi, ed infine l'allegro (i salti). La lezione viene aperta e chiusa per tradizione con l'esecuzione da parte degli allievi della révérence(inchino) rivolta all'insegnante.

 

"PERFEZIONAMENTO CLASSICO" - livelli intermedi e avanzati

Per la preparazione degli esami Vocational RAD, la scuola introduce lezioni di perfezionamento classico con docenti ospiti; riteniamo infatti che per la preparazione di questi esami, e per chi fosse interessato a una carriera professionale da perseguire in un'accademia, sia fondamentale ampliare il bagaglio tecnico e aumentare la velocità di apprendimento, oltre che accostarsi allo studio del repertorio, ovvero delle coreografie che i professionisti danzano in teatro e che hanno fatto la storia della danza, con la guida di chi lo ha ballato.

 


Danza Moderna e Contemporanea (BC002)

Stefania Pigato
Stefania Pigato

"DANZA CONTEMPORANEA

METODO PIGATO CONTEMPORARY"

(livello Base, Sviluppo, Superiore 1)

Alla base del metodo troviamo una profonda ricerca nell’ambito del movimento che, sfruttando al massimo la conoscenza della danza classica, mira a restituire un linguaggio denso di elementi adatti alla comprensione della danza contemporanea. 

Dall’elaborazione, modifica, rivoluzione, ed evoluzione della danza classica emergono nuovi paradigmi d’ingresso al movimento, che derivano in parte dalla fusione di più tecniche contemporanee, in parte dalla personale sperimentazione compiuta da Stefania Pigato. Lo studio del metodo conduce ad appropriarsi di uno stile spontaneo e fluido, basato su un movimento continuo ma scattante, veloce e ricco di virtuosismi naturali, in cui la tecnica si pone al servizio di codici nuovi. 

Nella metodologia niente è lasciato all’improvvisazione. Ciascun passaggio/elemento o codice si esprime attraverso specifici esercizi in progress e la tecnica, anche se produce un movimento fluido e leggero, è supportata da un’approfondita opera concettuale di analisi.

Al metodo in se stesso si affianca il lavoro coreografico, articolato sui diversi gradi di difficoltà di volta in volta superati nella metodologia. Il repertorio coreografico prevede studi di assoli, passi a due o composizioni di gruppo.  Ogni coreografia abbraccia un determinato messaggio comunicativo, supportato da una drammaturgia che sviluppa il tema di lavoro prescelto. 

L’insieme della metodologia – che contempla tecnica, Contact improvisation, partnering e coreografia - consegna chiari e forti valori tecnici, stilistici, espressivi, creativi. 

La didattica del metodo Pigato Contemporary si articola in più lezioni, volta per volta più impegnative per livello e difficoltà, seguendo uno schema di progressione codificato. Le lezioni si svolgono al “centro” senza l’ausilio della sbarra, integrando più fronti e piani di lavoro, e sono strutturate su una serie di esercizi, diagonali, variazioni, contatti corporei, elementi di partnering, studi di percorsi coreografici che prevedono l’apprendimento di assoli, passi a due, composizioni coreografiche.

 

Roberta Del Regno e Samuele Mercuri, allievi del C.P.D.
Roberta Del Regno e Samuele Mercuri, allievi del C.P.D.

 "DANZA MODERNA"

(dai 7 anni fino all'età adulta)

 La caratteristica principale della danza moderna è la poliedricità. Essa improvvisa, si adatta ed evolve col passare del tempo, delle mode e della creatività e del talento dei coreografi. È una forma di espressione derivata da una miscela di elementi ritmici e di danza europei e africani; il risultato di questa miscela si traduce in una serie di tecniche e di stili diversi, da eseguire su un ritmo sincopato, le cui forme sono determinate dalle proporzioni della suddetta miscela e dalla creatività e dalla personalità dell'artista che è dunque libero di comunicare il proprio sentire nella forma che più gli aggrada. Durante le lezioni l'allievo si troverà ad affrontare sequenze di rilassamento, tonificazione e stretching, apprenderà a prendere coscienza del corpo, dello spazio, e del ritmo musicale, attraverso sequenze coreografiche di difficoltà crescente, fino a raggiungere nel lavoro in centro elementi tecnici come doppia pirouette, grandi giri, allegro veloce e grandi salti, passo a due.

 


Street Dance (BC011)

Allievi del C.P.D.: Ousmane Sene, Victor e Vincent Asare, Lara Comi, Amanda Scognamiglio ed Eleonora Rizzi
Allievi del C.P.D.: Ousmane Sene, Victor e Vincent Asare, Lara Comi, Amanda Scognamiglio ed Eleonora Rizzi

"HIP-HOP"
(dal livello prescolare fino ad avanzato)

La danza Hip Hop è un mix di stili, idee, culture. Le sue origini risalgono alla danza Afro contaminata da numerose influenze, fra cui le arti marziali e le danze brasiliane, che approdano negli U.S.A, sia sulla East Coast che sulla West Coast, dando vita a uno stile nuovo in crescita ancora oggi. Il ciclone Hip Hop nasce alla fine degli anni sessanta nel Bronx di New York. Quella che viene chiamata Old School nella danza hip hop è una corrente evolutasi durante gli anni 70-80 su suoni funk e old school rap. Di questi stili di danza, la Breakdance è la più conosciuta ed è considerata peraltro una pietra miliare della cultura hip hop tanto da essere annoverata tra le Quattro Discipline fondanti. Negli anni '80 gli stili di danza funk originariamente nati al sulla costa occidentale, soprattutto a Los Angeles, come il Popping ed il Locking, iniziarono ad esservi incorporati.Le strade, l'asfalto, i marciapiedi…queste sono le piste da ballo dei migliori street dancers. Ciascuno di questi balli era diventato un buon sostituto delle risse e dei combattimenti molto frequenti tra bande rivali. Per i ragazzi dei ghetti il combattimento si trasformò quindi in una sfida e la sfida divenne il cuore della danza hip hop. Rimpiazzò le energie negative di questi giovani violenti delle gang con uno sfogo positivo e creativo. La sfida è l’essenza dell’hip hop ed è anche il motivo per cui i passi eseguiti dai ballerini hip hop sono così spettacolari o creativi. Per guadagnare il rispetto si doveva sempre dimostrare di essere il migliore nel cerchio e le approvazioni della gente non erano facili da ottenere. Lo stile contava più di tutto e non poteva essere insegnato, ma solo coltivato con costanza e devozione. L'avvento della seconda generazione dell' Hip Hop, detta "new style" o "new school" e l'entrata preponderante della musica della West Coast hanno caratterizzato un nuovo stile che non si basa più sulla competizione e la difficoltà dei movimenti, ma sulflavour cioè l'atteggiamento, l'espressività con la quale vengono eseguiti i movimenti. Attraverso i movimenti si esprime la musica, dimostrando "l'attitudine" caratteristica degli appartenenti alla cultura Hip Hop contemporanea.

 


Ginnastica finalizzata alla salute e al fitness (BI001)

"METODOLOGIA CALLANETICA"

(per adulti)

Secondo la metodologia di ginnastica Callanetica inventata negli anni '70 da Callan Pinckney basandosi sulle sue conoscenze di danza classica e sull'attenzione al proprio corpo, si possono acquisire nozioni e abitudini che portano sia nell'immediato che a lungo termine a un netto miglioramento della postura. Molti nostri allievi hanno scoperto il sollievo immediato dato da questa ginnastica per il mal di schiena, ma non solo: il lavoro muscolare è effettivamente tonificante, sebbene non stancante. La tipologia di esercizi di questo corso non comporta alcun tipo di rischi per le articolazioni, quindi può essere praticata a ogni età e a ogni livello; inoltre l'intensità del lavoro può essere regolata individualmente sotto la guida dell'insegnante nonostante si lavori in gruppo.

"METODOLOGIA PILATES"

(per adulti)

Secondo la metodologia di ginnastica inventata all'inizio del XX secolo da Joseph Pilates, si basa sui principi di: concentrazione, controllo, fluidità, precisione, respirazione, "core".

Se praticato con continuità e sistematicità il pilates migliora:

  • Flessibilità
  • Forza e resistenza alla forza isometrica
  • Controllo ed equilibrio

Su richiesta:

  • MENTORING PER INSEGNANTI danza classica R.A.D.
  • LEZIONI INDIVIDUALI: per allievi talentuosi e motivati, oppure per recuperare anni perduti, o ancora per avanzare avanzare più velocemente
  • PREPARAZIONE AUDIZIONI: numerosi nostri allievi sono stati ammessi in accademie professionali in seguito al superamento di un'audizione, preparati dai docenti del C.P.D.
Con la direttrice di PBT Europe Callie Sant al corso insegnanti 2020.
Con la direttrice di PBT Europe Callie Sant al corso insegnanti 2020.
  • "PROGRESSING BALLET TECHNIQUE"
    (per allievi di danza classica)

Una metodologia tesa a sviluppare la memoria muscolare e il controllo posturale, attraverso esercizi al contempo divertenti e focalizzati.

Il lavoro con la FitBall permette di acquisire forza, stabilità, percezione dei gruppi muscolari da utilizzare per eseguire correttamente i movimenti, oltre che consapevolezza degli allineamenti del corpo tipici della danza classica.

Gli esercizi sono stati sviluppati da Marie Walton Mahon, che ha una carriera di oltre 40 anni di insegnamento professionale, e sono stati curati anche da un team di fisioterapisti: sono quindi sicuri, rispettano e migliorano le possibilità di ciascun allievo, e sono utilizzabili anche per continuare a fare lezione in seguito a un infortunio.